Svizzero? No, Mei!

Svizzero? No, Mei!

Mei è distribuita in Svizzera da chi, prima di proporla agli altri, l'ha provato su se stesso, con risultati straordinari.

Mei è, da venticinque anni, figlia del made in Italy e diffonde la propria filosofia della prevenzione con i prodotti naturali, da piante selvatiche e fedele al motto: la natura ci dona il benessere, una corretta informazione ci fa scegliere meglio.

In Italia, dire Svizzera significa richiamare alla mente i concetti di precisione, di rispetto per l'ambiente e di tutela della natura. Una nazione pulita che ha fatto dell'amore per il naturale una filosofia di vita. Non meraviglia, quindi, che in Svizzera ci sia una delle città più vivibili del mondo.

Qualche anno fa, la rinomata Mercer Human Resource Consulting ha esaminato 215 grandi città in base a 39 parametri quali tempo libero e ricreazione, sicurezza, pulizia, stabilità politica ed economica, ma anche infrastrutture medico-sanitarie. Da questo severo esame, Zurigo, il 10 giugno 2008, è stata designata, per la settima volta consecutiva, la città con la migliore qualità di vita del mondo (da fonte internet).

Dalla Svizzera, da Zurigo nella fattispecie, arrivò (circa tre anni fa) la richiesta per un incontro per informazioni sui prodotti naturali Mei, sulla Phytomassopodia e sui rituali del corpo e del viso. Un imprenditore svizzero, in vacanza in una SPA dell'Alto Adige col bisogno di rigenerarsi, aveva provato i prodotti ed i percorsi Mei, ricevendone un beneficio straordinario. Tornato a Zurigo si era chiesto perché non portare il benessere Mei in Svizzera, per far conoscere quella cultura del naturale, fatta di prodotti assolutamente puri ed efficaci, che lo aveva rimesso in forma?

Perché non informare i propri concittadini sul benessere Mei e i benefici che i prodotti naturali, da piante a crescita spontanea, danno nella prevenzione delle più comuni affezioni? Perché non distribuire a casa propria la sicurezza di star bene, senza controindicazioni? Perché non aprire le porte di Zurigo alla Mei? Da qui, la richiesta di incontrarsi. All'appuntamento, nella sede di San Vendemiano, si presentarono due quarantacinquenni, i Signori Doris e Bruno Mutzner, dichiarando la disponibilità ad essere preparati su tutto il pianeta Mei (dai prodotti, alla scuola) perché, come dissero in premessa, volevano portare Mei in Svizzera. Era una soddisfazione che a Mei mancava: prodotti richiesti da cittadini svizzeri, per giunta di Zurigo, per essere distribuiti su un territorio che è permeato di sana cultura del naturale e a gente che ha il palato fine nel mondo del vivere bene, usando quello che la natura offre! Dopo l'incontro per l'informazione dettagliata di tutto quello che Mei ha a marchio, Doris e Bruno chiesero di partecipare ai corsi sulla conoscenza dei prodotti, sull'analisi dei percorsi benessere, sulla formazione dei Consulenti ed a quelli per la specializzazione professionale, per assaporare, sulla propria pelle, le emozioni che si ricevono dalla Phytomassopodia e dai rituali Mei SPA. La conversione al benessere naturale Mei, per i coniugi Mutzner, era stata data dai positivi effetti del Percorso Disintossicante che avevano cambiato la vita al Signor Bruno Mutzner che, sottoposto ai ritmi oppressivi della vita di imprenditore, incominciava ad accusare il veleno dello stress. La facilità di realizzare il Percorso Disintossicante, l'assoluta mancanza di controindicazioni e gli immediati risultati raggiunti (ritrovata energia, accresciuta disponibilità motoria, positiva sensazione di equilibrio psico-fisico, piacevole euforia nei rapporti sociali, preziosa serenità nei momenti decisionali) avevano convinto i Signori Mutzner a diventare apostoli del benessere naturale Mei per la Svizzera. Erano determinati ad indirizzare diversamente la loro esperienza di imprenditori per affrontare, dopo la formazione come Consulenti, come Operatori del Benessere e come Fiduciari Mei, quello che hanno chiamato un cambio di vita. Si sono dotati di un bel sito che, per riconoscenza alla Mei, hanno chiamato benessere naturale (www.benesserenaturale.ch), proprio come la loro azienda. Stanno diffondendo, con delle puntuali newsletter ed a tutti i loro clienti svizzeri, ogni novità che la casa madre italiana trasmette. Hanno realizzato, in tedesco, le dispense informative sul benessere naturale, con le quali aprono gli incontri d'informazione e di consulenza sul benessere naturale Mei. I Signori Doris e Bruno Mutzner hanno, però, nella professione di Consulente Mei un innegabile vantaggio: sono istintivamente simpatici e dal viso pulito. Quando ci si parla assieme, trasmettono garbata allegria e completezza concettuale: le doti più preziose per chi deve informare senza volerti vendere qualcosa a tutti i costi. Credono fermamente nel messaggio Mei e, per l'eccelente lavoro che stanno facendo in Svizzera, sono stati invitati al meeting del venticinquesimo. Per le relazioni del meeting eravamo tutti un po' in imbarazzo perché i Signori Mutzner sono di lingua tedesca e il meeting Mei è stato tenuto in italiano, per cui temevamo che non ci saremmo compresi. Ma con grande sorpresa, alla fine fine della cena di gala, quando si ricevono i complimenti per l'organizzazione e le esternazioni affettive sono più vere, Doris e Bruno si sono alzati in piedi, hanno richiesto un po' d'attenzione ed hanno fatto un bel discorso in… italiano! Potenza degli svizzeri! Forte è stata l'emozione della testimonianza di stima e d'affetto che hanno esternato a tutto il popolo Mei, ma più forte è stato il commovente stupore di sentirli parlare in italiano. Deve essere stata dura, per loro, studiare una lingua in poco tempo, tanto da poterla usare per un discorso; ma, a loro giudizio, era il minimo che potevano fare per la Mei: ringraziare in italiano! Grazie, Doris e Bruno, per la professionalità che mettete nel rappresentare Mei in Svizzera e, soprattutto, grazie perché avete voluto essere dei nostri, anche nelle parole! Vi auguriamo tanto… benessere Mei! Arrivederci, in Svizzera 

G.M.

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Guest
Saturday, 18 November 2017