Si torna a scuola... con Mei.

Si torna a scuola... con Mei.

Il primo giorno di scuola è sempre un evento: è l'inizio di un "impegno" che dura parecchi mesi e che coinvolge tutta la famiglia, oltre ai "tecnici esterni" (nonni, babysitter, maestri di musica, di ginnastica, di canto, di lingue e di tante altre aree). " … La mamma, con il piccolino in braccio (cinque mesi), guardava attraverso i vetri, con malcelata emozione, il figlio grande (otto anni) che, a manina col padre, con lo zaino caricato sulle spalle, discendeva il viottolo d'ingresso per andare alla fermata dello scuolabus. La sera prima tutta la famiglia aveva partecipato alla scelta dei "ferri del mestiere scolastico" (libri, penne, quaderni ed altro) ed il grembiulino era stato stirato con cura. Poi era stato eseguito il rito dello Shampoo allo Zolfo, per la prevenzione della pediculosi (fatto all'inizio di ogni anno scolastico, per non avere i "pidocchi in testa") e il lavaggio dei denti con il Dentifricio alla Propoli, per difendere la bocca. Il bambino, educato con questi prodotti durante le vacanze estive, ne aveva capito l'importanza e si compiaceva di essere al centro di particolari attenzioni che lo facevano sentire più forte e sano. Sapeva che, ai primi freddi, doveva coprirsi bene e che se avesse avvisato qualche difficoltà nella gola doveva chiedere le compresse di Propoli (con proprietà antisettiche ed antibatteriche) per non arrivare alla tosse, alla raucedine ed alla febbre. L'anno prima aveva usato anche il PropolMei spray, con grande sollievo. La mattina, prima di colazione aveva chiesto il "cucchiaio magico" di Vitagel e dopo colazione anche la Rosa Canina e Acerola (immunostimolante e antiossidante a base di vitamina C), quando la mamma non trovava gli agrumi, perché aveva capito che "dentro a quelle buone caramelline" ci stava tanta salute. La mamma sapeva che poteva contare anche sui Lactobacilli (per riequilibrare la flora intestinale), assumibili anche dagli intolleranti o allergici al lattosio, per aiutarlo a superare eventuali momenti intestinali non simpatici. Nello zaino era stato messo anche il Post Stick e spiegato che, dopo la ricreazione scolastica in giardino, se sulle gambe si avvisavano pruriti e puntini rossi (da punture di zanzare o altri insetti) bisognava usarlo, come insegnato al mare dopo la puntura della medusa. Il piccolo aveva subìto questo brutto incontro ed era stato addestrato ad auto medicarsi con il Post Stick. L'avrebbe fatto anche per i suoi amici. Prima di andare al pranzo scolastico, le mani dovevano essere igienizzate con il Qualamano, (durante l'estate vi era stata la "formazione" anche su questo): lo "scolaro" aveva appreso perfettamente l'uso del Qualamano e del Post Stick. I prodotti MEI erano stati "giocattoli" estivi, per responsabilizzare il fanciullo ad una forma di preziosa prevenzione, in autogestione…". 

Grazie TATA MEI, perché ci aiuti a tenerli in forma. 

G.M.

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Guest
Thursday, 21 September 2017