Le piante del +Difesa

Le piante del +Difesa

Il regno vegetale comprende 350.000 specie di organismi viventi, chiamati erbe, cespugli, alberi o, in modo generale, piante.

Le piante, per vivere, sintetizzano aria, acqua e terra; utilizzano le reazioni biochimiche della fotosintesi per prendere energia dal sole e riescono, per avere le giuste riserve, ad immagazzinare l'amido. 

Le piante possono essere, a seconda della provenienza, officinali (usate per la preparazione di un prodotto medicamentoso o come correttore di gusto per altri preparati) e, come tali, inserite in elenchi ufficiali del paese d'origine. Sono, invece, medicinali se le loro sostanze intrinseche hanno potere terapeutico. Una pianta, quindi, può essere officinale in un paese e non in altri (a seconda delle norme), mentre, se è riconosciuta medicinale, sarà tale dappertutto, a prescindere dalle leggi o dal paese d'origine. Molti prodotti naturali Mei sono il risultato equilibrato dei composti di più piante medicinali. Dall'insieme delle singole proprietà viene fuori una "potenza terapeutica" unica e senza controindicazioni. Questa è la vera magia dell'erboristeria tradizionale e da questo assioma nasce un prodotto Mei dal forte profilo medicinale: il +Difesa.


I​l supporto ideale per la prevenzione e gli stress del cambio stagione

Il +Difesa è il leader polifunzionale nei protocolli preventivi sia per le affezioni invernali, sia per le allergie da cambio di stagione e sia per la calura estiva, per le caratteristiche dei suoi componenti principali: la vitamina C, la Salicina, l'Euterococco e l'Echinacea. Lo scorbuto, già noto in Grecia fin dal V secolo a.C., è stata la patologia che nel XVI secolo aveva, per le tante morti, fortemente preoccupato la popolazione dei marinai. Dopo le prime indicazioni del medico della marina reale inglese James Lind, lo scorbuto fu affrontato con l'assunzione, durante il tempo della navigazione, di verdure e frutta, da allora chiamati prodotti antiscorbutici. Nel 1912 furono scoperte da Casimir Funk le vitamine e solo nel 1921 il composto antiscorbutico fu chiamato vitamina C, riconoscendole una marcata azione antiossidante e la capacità di stabilizzare altre vitamine: la A e la E. La vitamina C o acido ascorbico è fondamentale per il sistema immunitario e per non abbassare la produzione del collagene, che l'uomo non riesce a creare senza tale vitamina; è preziosa, inoltre, per rinforzare i vasi circolatori, impedendo le emorragie e per irrobustire la pelle (ne facilita il processo di cicatrizzazione), i muscoli e le ossa (per la prevenzione dell'osteoporosi). Per tutto questo, la vitamina C, sostanza organica indispensabile e potentissimo antiossidante, è un componente fondamentale del +Difesa.

La Salicina è uno dei più potenti antinfiammatori naturali, estratto dalla corteccia del Salice Bianco. Le proprietà del Salice erano note fin dagli Egizi (II millennio a.C.); successivamente (V secolo a.C.), il medico greco Ippocrate ne specificò le proprietà antidolorifiche ed antinfiammatorie; più recentemente, gli Indiani d'America ne usarono la corteccia e le foglie nella loro medicina naturale; solo nel 1828, Henri Leroux isolò la Salicina. Per le proprietà antinfiammatorie, la Salicina è un componente fondamentale del +Difesa.

L'Eleuterococco o Ginseng Siberiano (originario della Siberia e della Mongolia) è un arbusto di due metri, dalle cui radici si estraggono prodotti con proprietà toniche ed adattogene. Lo stress è il suo campo d'azione perché l'Eleuterococco, rinforzando il sistema immunitario, è assolutamente prezioso per superare gli esaurimenti psico-fisici, le ipotensioni e le convalescenze. Previene l'insorgenza delle malattie asteniche, stimolando il metabolismo: è un rinvigorente ed un fortificante. Un recente studio giapponese ha precisato che il Ginseng Siberiano migliora la resistenza allo sforzo e agli sbalzi di pressione e temperatura. È innocuo (non ha tossicità riconosciute) ed agisce come stabilizzante, con un'azione generale (non mirata, quindi, ad un singolo organo), aumentando la resistenza dell'individuo contro agenti stressanti. Il +Difesa annovera l'Euterococco fra le proprie basi. 

L'Echinacea è originaria delle zone temperate del Nord America ed ha grossa adattabilità alle condizioni ambientali più varie, privilegiando aree aperte e soleggiate, come quelle delle grandi praterie nordamericane. Pianta erbacea perenne, l'Echinacea è di tipo medicinale perché immunostimolante, aumenta la resistenza alle infezioni (gli studi farmacologici lo confermano), combatte l'influenza, le malattie da raffreddamento e l'herpes. Gli sciamani indiani usavano poltiglie di Echinacea (radici e foglie) per cicatrizzare le ferite, combattere la sifilide e curare i morsi dei serpenti. I migliori risultati si ottengono nell'uso preventivo e, nel +Difesa, l'Echinacea è l'attore della prevenzione per eccellenza. La vitamina C, la Salicina, l'Euterococco e l'Echinacea sono i componenti principali del +Difesa. Sono quanto di più potente la natura metta a disposizione dell'uomo per la prevenzione e la terapia delle malattie da raffreddamento, per le situazioni da stress, per le convalescenze e per tutte quelle condizioni in cui bisogna rinvigorire e fortificare, senza controindicazioni. Naturalmente, l'assunzione del +Difesa è sempre consigliata, sia per migliorare le difese contro le aggressioni autunno-invernali e sia, d'estate, per aiutare ad affrontare il caldo, per la sua funzione adattogena e per l'azione immunostimolante (favorisce una sana abbronzatura, per l'azione sulla melanina): una capsula a metà mattina, tutti i giorni a stomaco pieno. 

Con il +Difesa Mei non c'è spazio per le influenze ed i raffreddori, né per lo stress da caldo e per le condizioni di estrema debolezza estiva!

G.M.


Il Prof. Giuseppe Mazzocco, docente alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Padova, è l'inventore del metodo PMP-Phytomassopodia, del Podostrigiles e dei rituali Mei. Ha ideato i corsi di formazione professionale dell'accademia WFA - Wellness from Feet Academy. E' direttore della Ricerca e della Formazione per il Benessere Scientifico Mei nonché responsabile del periodico di benessere MondoMei.

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Guest
Saturday, 18 November 2017