Ebner's Waldhof e Mei, per il Benessere Scientifico

Ebner's Waldhof e Mei, per il Benessere Scientifico

Una realtà tecnicamente equilibrata e con gli spazi giusti a cui viene affidato il compito, realizzato in modo pregevole, di calibrare l'educazione al benessere Mei.

Un tempio del benessere moderno con la caratteristica della raffinata cortesia e della ricerca costante del risultato certo e comprovato.

Una carrozza piena di bambini, trainata da due splendidi cavalli, esce da una maestosa costruzione che lambisce la riva del lago di Fuschl. A cassetta, un signore di altri tempi, vestito con i costumi tipici del luogo, capelli brizzolati, occhi attenti dietro gli occhiali rotondi ed un sorriso bonario sul viso abbronzato. Con un delicatissimo movimento delle briglie mette i cavalli al passo, allontanandosi sulla stradina di sassi e "lasciando" dietro il rumore ritmico degli zoccoli e del ferro delle ruote, in direzione del secolare mulino Ruming ad acqua. Mi pare l'inizio di una favola!

Una scena di altri tempi!
Chi, come me, arriva all'Hotel Waldhof am See della famiglia Ebner può gustare queste immagini "antiche". Il luogo è splendido. L'albergo si "srotola" con una successione di tetti scuri che coprono pareti bianche e marroni, con finestre piene di coloratissimi fiori. L'andamento architettonico del complesso è irregolare, come il risultato di un gioco di un bambino gigante che ha creato un fantasioso, ma armonico agglomerato, inserendo anche tre torri che danno al tutto il senso di favola. Al centro di questo "borgo" occhieggiano due piscine azzurre che vanno in gradevole contrasto con gli alberi dello sfondo collinare e con il verde antistante, punteggiato dal bianco delle poltrone prendisole! Il tutto si specchia nel nitido azzurro del lago e la forma riflessa prende vita con l'acqua che viene increspata dalla brezza. Gli elementi per un luogo magico, da relax, ci sono tutti! Questa è la prima forma di benessere naturale: è il saluto di benvenuto che l'Hotel Resort & SPA Ebner's Waldhof am See offre a chi vi si reca. Superato il "cappello" d'ingresso dell'Hotel, su cui troneggia lo stemma della famiglia che lo gestisce da quattro generazioni, ci si perde in spazi assolutamente gradevoli, ma dissimili. Ampie sale si contrappongono ad angoli intimi e molto raccolti; percorsi ben segnalati per arrivare a tutti i servizi; un complesso del benessere del caldo-umido imponente (saune di vario genere, piscine coperte e scoperte, vasche da idromassaggio all'aperto ed al chiuso, palestre, angoli bar e tisanerie) accoglie con i profumi tipici del fieno e di essenze ambrate e prepara l'ingresso al vero tempio del benessere: la SPA. Per la SPA, il signor Herbert Ebner ha voluto capire per primo le basi del benessere e la memoria dei sensi ed è venuto due volte, con parte dello staff, in Italia, presso la sede Mei, per toccare con mano "la forza vitale della natura". Il massaggio, il movimento e l'alimentazione sono i pilastri tecno-culturali del benessere scientifico secondo Mei che, coordinati e giustamente armonizzati, concorrono alla formazione di quello "stato di equilibrio di tutti i fattori che compongono l'unità psico-fisica e sociale individuale". La migliore prevenzione per tutte le malattie psico-somatiche che affliggono l'uomo moderno passa attraverso il riequilibrio dell'"unità uomo" con l'impostazione di uno stile di vita che eviti le occasioni giornaliere d'inquinamento: sedentarietà, cattive abitudini alimentari, inquinamenti di vario tipo, stress, ecc. Da qui parte il ragionamento del signor Herbert Ebner: "Cosa ne sarà del benessere che, per il mio ospite, ho creato nella SPA, quando torna alle sue abitudini? Come posso aiutarlo?".

Qui l'imprenditore ha lasciato il passo all'uomo!
Il signor Herbert Ebner ha chiesto a Mei di fare prevenzione ("la medicina dell'uomo sano"), tanto da trasformare la SPA e l'Hotel in entità che creano benessere: un passo storico. Dopo aver discusso le fasi del cambio epocale ha portato la WFA - Wellness from Feet Academy fra le mura del Suo Hotel ed ha mandato il cuoco a confrontarsi con "lo stile del mangiar sano Mei"; le responsabili del movimento a formarsi all'educazione posturale della Scuola Mei; le operatrici del benessere ad entrare nello spirito dei rituali Mei SPA ed il personale dell'accoglienza alberghiera a possedere tutte le informazioni sui prodotti naturali Mei. Una rivoluzione copernicana che ha messo l'ospite al centro di tutte le attenzioni e (qui nasce il profilo culturale del progetto) che viene condotto, col garbo tipico di tutto il personale Waldhof, a prendere coscienza della necessità del "vivere sano". 

Il progetto è ambizioso, ma è partito e con ottimi risultati.
L'Hotel Waldhof della famiglia Ebner (il figlio Thomas è Owner & Director e la figlia Stephanie è Sales e Marketing) è diventato una scuola del benessere olistico, dove si associano i rituali più equilibrati e dai risultati certi a una corretta informazione alimentare e a indicazioni per uno stile di vita nel quale l'uomo si deve riappropriare della condizione del vivere bene. Il benessere scientifico è uscito dalle fredde logiche dei laboratori e del marketing e si è umanizzato nella maniera più piena, con una formazione in itinere secondo il metodo dell'"imparare facendo". Gli ambienti di lavoro (la cucina, la SPA, la palestra e la reception) diventano il luogo nei quali si vive un nuovo indirizzo professionale, per dare agli ospiti che si affidano alla struttura il meglio del massaggio, del movimento e dell'alimentazione intesi come elementi essenziali per creare il benessere scientifico. Si realizza la cultura della prevenzione che, giorno dopo giorno, con le regole del "vivere sano" concretizza un nuovo stile di vita. 

Un grazie a Alexander per la "garbata fantasia" messa nei piatti del "mangiar bene"; a Waltraud per le felici interpretazioni dei rituali Mei; a Veronika ed a tutti gli altri perché sono quelli che, all'arrivo dell'ospite, ci "mettono la faccia ed il sorriso" e si sono fatti apostoli del credo Mei: "la natura ci dona il benessere, una corretta informazione ci fa scegliere meglio". A tutti un grazie, nel nome del benessere scientifico Mei!

 

Comments

No comments made yet. Be the first to submit a comment
Guest
Saturday, 18 November 2017